Io, cantastorie


home



...mio padre era giornalista presso il Giornale di Sicilia di Palermo, città dove sono nato.
All'inizio, faceva il critico musicale e teatrale e a casa portava una montagna di dischi di ogni tipo...
erano i dischi di cantanti, musicisti, orchestre che inviavano a lui una copia
dei loro prodotti discografici per avere una recensione. Tra questi molti erano quelli dei cantastorie siciliani
e io passavo le giornate intere ad ascoltarli...
ma invece di raccontarvi così la storia di come io sono diventato cantastorie
ve la faccio sentire  con la mia ballata che dà anche il titolo al mio cd

Io, cantastorie
Versi e musica di Mauro Geraci

Notti di lugliu scinneva lu carru
di Porta Nova 'nzinu a Vucciria,
jocu di focu 'm Palermu c'è festa
pi l'avvucata Santa Rusulia.

Cu lu fistinu ca c'è ad ogni banna,
nta lu quarteri chiamatu d'a Nuci,
'mmenzu a mé matri, mé patri e mé nanna
nascivu iu com'un babbaluci.

Un babbaluci cu li corna tisi
comu li 'ntinni d'a tilivisioni
chi canta e cunta li 'mbrogghi e li 'mprisi
cu la chitarra di lu cantastori.

Comu lu pumu a lu misi di maggiu,
russu di fidi crisceva e d'amuri
mé patri sempri mi dava curaggiu
pi cuntrastari tutti li duluri.

"Oh masculiddu miu sicilianu
- iddu diceva cu vuci sincera -
rispetta sempri lu populu amaru
ca la tò vita è cchiù digna e cchiù vera.

Ma non calaricci 'a testa 'o baruni,
a li fascisti e a li latri statali,
a lu mafiusu ed a lu massuni
tu l'ha attaccari supra li giurnali".

E si mé patri di Sciascia parrava,
di la Sicilia e di li 'ntillittuali,
c'era mé nannu ca quannu passava
purtava i dischi di Stranu e Trincali.

E quannu vinni lu sittantaddui
vinnimu a Roma cu tutta 'a famigghia,
dintra 'u mé pettu ci nn'eranu ddui
cori chi battunu senza la brigghia.

Cori scinziatu chi vulia capiri
d'i siciliani li cumpurtamenti,
cori chi canta pi poi dinunciari
tuttu lu dramma d'a povira genti.

Ora lu studiu è na cosa di jttari
s'iddu 'nto cori di l'omu non scova
tutti li storii e valuri cchiù rari
pi nta li chiazzi mittilli a la prova.

Pirciò d'Ignaziu mi giuvanu l'ali,
d'Oraziu Stranu li cordi puncenti
e di Busacca li lacrimi amari
e di Rusidda li sò sintimenti.

E l'irunia la pigghiu da Otellu
e da Sindoni lu gestu gintili,
da Salamuni lu sonu cchiù bellu
e da Santancilu l'anticu stili.

'U geniu e 'u focu di Francu Trincali
da sempri avvampa dintra la me testa,
addevu sugnu e cumpagnu liali
e 'nta li chiazzi facemu la festa.

Havi vint'anni di quannu mé patri,
'mmenzu a li libbra supra lu scaffali
'nta libbriria di Via del Tritoni
'ccattau I ballati di Francu Trincali.

"Maureddu miu tu sì sicilianu,
chista è pi tia lizioni ed impegnu,
chi quannu ad Avula 'u sangu virsanu
sulu Trincali cantava lu sdegnu".


ascolta o scarica la ballata



oppure un VIDEO SU


'Talianu

MAURO GERACI, nato a Palermo nel 1962, dal 2005 è Professore Associato presso la Facoltà di Scienze della Formazione e oggi presso il Dipartimento di Scienze Cognitive, della Formazione e degli Studi Culturali dell’Università degli Studi di Messina, per il settore disciplinare M-DEA/01 Discipline demo-etno-antropologiche.

Laureato in Lettere nel 1989, presso l’Università “La Sapienza” di Roma con una tesi in Etnologia su Jack R. Goody e l’antropologia comparativa, dal 1990 ha svolto una lunga ricerca etnografica relativa alla poesia popolare siciliana, con un approfondimento critico delle questioni storico-antropologiche connesse all’attività poetico-musicale come alle prospettive letterarie e conoscitive dei poeti-cantastorie in Sicilia e Calabria (pueti-cantastorii). Tra il 1992 e il 1996, come Dottore di ricerca in Etnoantropologia, ha quindi svolto uno studio antropologico sulle strategie del silenzio nella poesia popolare siciliana, finalizzata al riconoscimento dei modelli etici cui rinviano morfologie linguistiche, retoriche e simboliche del silenzio riscontrabili in diverse formalizzazioni poetiche quali quelle della canzuna in ottava rima, dell’indovinello, dei repertori narrativi (storii, ballati, cuntrasti). Con un programma di approfondimento storico delle tecniche comunicative di origine folklorica confluite nella prospettiva spettacolare dei cantastorie, nel 1998 ha svolto il lavoro di Post-Dottorato presso l’Università degli Studi della Calabria. Tali ricerche, oltre aver dato luogo a conferenze tenute presso l'Istituto di Studi Filosofici Suor Orsola Benincasa di Napoli, la Open University di Cambridge, le Università «La Sapienza» di Roma, di Venezia, della Calabria, di Reggio Calabria, di Messina, Catania e Palermo, sono divenute oggetto di libri e saggi pubblicati in riviste scientifiche del settore quali Africa, La Ricerca Folklorica, Etnoantropologia, Up & Down, Nuove Effemeridi, Incontri Meridionali, Voci. Oltre a collaborare alle pagine culturali dei quotidiani Il Messaggero e Il Manifesto di Roma e La Sicilia di Catania, nel 1997 è stato chiamato a far parte del Coordinamento redazionale del semestrale Archivio Antropologico Mediterraneo, realizzato dall'Istituto di Scienze Antropologiche e Geografiche dell'Università di Palermo, nonché come consulente, per conto della casa discografica americana Rounder, per la cura dei documenti folklorici siciliani della raccolta etnomusicale Lomax-Carpitella.

Oltre a essere stato coordinatore scientifico del Museo antropologico del brigantaggio di Itri, ha svolto, per la Regione Lazio, ricerche sul campo nei paesi dei Monti Lepini tese a documentare l’azione rituale delle Confraternite religiose durante la Settimana Santa a Priverno (Latina), e la presenza di repertori narrativi orali sulla vita dei briganti operanti in territorio laziale tra il XVIII e il XIX secolo. Nel 2000 è stato chiamato a partecipare al Progetto Finalizzato del Consiglio Nazionale delle Ricerche per il «Rilevamento e la schedatura delle feste popolari in Italia». Dal 1993 membro dell'Associazione Italiana per le Scienze Etno-Antropologiche, ha anche svolto, presso numerosi istituti scolastici nazionali, corsi di aggiornamento per insegnanti e sperimentazioni didattiche relative alle tecniche comunicative e conoscitive dei poeti-cantastorie.

Dal 2002 a oggi ha avviato nei contesti urbani dell’Albania post-socialista una nuova indagine antropologica tesa a rilevare, nel notevole fermento editoriale oggi presente nel Paese, le immagini ricorrenti nella più recente letteratura albanese, quali strategie retoriche e simboliche tese al controllo della memoria collettiva, alla rivisitazione del passato nei nuovi processi di formazione e consolidamento dello Stato nazionale. In particolare, il suo interesse antropologico si concentra nella riproposizione di un mosaico interpretativo di tipo “prometeico”, centrato cioè sulla concezione di una nazione dalla vincente perdita diversamente avanzata nell’attuale fenomeno letterario ed editoriale albanese; mosaico che gioca un ruolo di primo piano nella ridefinizione della memoria storica del Paese, in rapporto alle più recenti trasformazioni politico-sociali. In questa prospettiva di ricerca dal 2011 ha svolto una intensa e specifica attività didattica (seminari e corsi di antropologia culturale) presso la Facoltà di Arte e Design della Polis Universiteti di Tirana (International School of Architecture and Urban Development Policies).

 

'Ngrisi

MAURO GERACI, born in Palermo is Professor of Ethnology at the University of Messina, Faculty of Educational Sciences, in scientific sector M-DEA/01, Demo-Ethno-Anthropological Sciences.

Graduated in 1989 from the University “La Sapienza” in Rome, with a thesis in Ethnology titled Jack R. Goody and comparative anthropology, since 1990 he developed an intense ethnographic study on sicilian folk and popular poetry, with a critical examination of the storical and anthropological questions joined to the poetic and musical activities, as to literary, performative and moral perspectives of storytellers (pueti-cantastorii or “story-singers”).

From 1992 to 1996, to take one’s Doctorate in Ethno-Anthropological Sciences, he realized a study about silence as a linguistic, rhetorical and symbolical apparatus in several forms and repertoires of sicilian popular poetry, as canzuna in ottava rhyme, riddles and particular forms of narrative poetry (storii, ballati, cuntrasti). With an analitic programme to understand the origins of the communicative folkloric technics recaptured into the spectacular perspectives of storytellers, he carried on, in 1998, his post-doctorate work at the Calabria University. On the whole, these researches produced a lot of lectures at institutions such as the Phylosophical Studies Institute Suor Orsola Benincasa of Naples, the Open University of Cambridge, the Universities «La Sapienza» of Rome, of Venice, of Calabria, Reggio Calabria, Messina, Catania and Palermo. In these perspectives he wrote and pubblied books and essays in most important italian anthropological reviews as Africa, La Ricerca Folklorica, Etnoantropologia, Up & Down, Nuove Effemeridi, Incontri Meridionali, Voci. He, besides, contributed, with articles on anthropological problems, to italian newspapers Il Messaggero, Il Manifesto and La Sicilia. In 1997 come into scientific committee of the half-yearly review Archivio Antropologico Mediterraneo, edited by Geographic and Anthropological Sciences Institute of Palermo University, and become consultant of the american recording-house Rounder for the curatorship of sicilian folkloric documents in the famous etnomusical collection Lomax-Carpitella.

Since 1993 member of Italian Association for Ethno-Anthropological Sciences (Aisea), he was scientific co-ordinator of the Brigandage Anthropological Museum of  Itri (Latina), and developed ethnographic fieldworks in many villages of Monti Lepini to document the ritual actions of the religious Confraternities during Holy Week in Priverno (Latina), and the oral narrative about the brigands’ life-histories in XVIII and XIX centuries. In 2000 he partecipated to the C.N.R. project for the «Survey and catalogue of popular italian feasts». Among numerous national scholastic institutes, he organized, for teachers and students, a lot of experimental workshops for the didactic application of the communicative and cognitive storytellers’ perspectives.

At present, he started, in albanian urban areas, a new anthropologycal research to survey, within the remarkable phenomenon of new editorial industry that caracterize Albania post-socialist, some recurring images in contemporary albanian literature, as political, rhetorical and symbolical strategies to control collective memory, to reorganize the history in view of the new making process and consolidation of national state. From 2011, in this research work, he carries on an intense and specific didactic activity (seminaries and courses in cultural anthropology) to the Faculty of Art and Design of Polis Universiteti in Tirana (International School of Architecture and Urban Development Policies).

 

Principali pubblicazioni

  1. GERACI M. (2014). Prometeo in Albania. Passaggi letterari e politici di un paese balcanico, ISBN: 978849841411. SOVERIA MANNELLI (CZ): Rubbettino Editore.
  2. GERACI M. (2012). Problemi në objekti në antropologji / Il problema dell’oggetto in antropologia, edizione bilingue, ISBN: 9789928405357. TIRANA: Universiteti Polis.
  3. GERACI M. (2012). Il furioso volo sulla storia. Le lezioni dell'Ariosto e i sogni poetici dei cantastorie. HUMANITIES, vol. I, 2, p. 18-31, ISSN: 2240-7715.
  4. GERACI M. (2011). Visar Zhiti: una poesia come follia di difesa. Memorie di un poeta albanese. VOCI, vol. VII-VIII, numero doppio, p. 209-228, ISSN: 1827-5095.
  5. GERACI M. (2010). Një tufë përrallash per të ndryshuar botën. In: Muçi Virgjil. Përralla shiptare. 100+1 nate. II vol. I vol., p. 4-7, TIRANA: Aeditions, ISBN: 9789995670481.
  6. GERACI M. (2010). I giorni invasi. Francesco Lanza e la Passione nella Sicilia letteraria. In: José Luis Alonso Ponga, David Alvarez Cinera, Pilar Panero Garcia, Pablo Tirado Marro (a cura di). La Semana Santa: Antropologia y Religion en Latinoamerica II. Valladolid, 7 - 9 ottobre 2010, p. 77-96, Valladolid: Ayuntamento de Valladolis, ISBN: 9788496864481.
  7. GERACI M. (2008). Le vite difficili. Vito Santangelo e le autobiografie dei cantastorie, ARCHIVIO ANTROPOLOGICO MEDITERRANEO, X/XI, 10-11, pp. 77-108, PALERMO: Sellerio editore (ITALY).
  8. GERACI M. (2007). Sul ponte di Andrić. Letteratura e canzone per uno studio della nuova Albania. VOCI. SEMESTRALE DI SCIENZE UMANE diretto da Luigi M. Lombardi Satriani, III-IV, 1-2, pp. 24-48.
  9. Geraci m. (2007). Prometeo in Albania. Corpi, poteri, memorie letterarie dell’”uomo nuovo”. In: FAETA F., FARANDA L., GERACI M., MAZZACANE L., NIOLA M., RICCI A., TETI V. A CURA DI. Il tessuto del mondo. Immagini e rappresentazioni del corpo. (pp. 83-96). NAPOLI: L’ancora del Mediterraneo (ITALY).
  10. GERACI M. (2007). Storia di lotte e distrazioni. L’”Italia contadina” a cinquant’anni dalla morte di Rocco Scotellaro, BOLLETTINO STORICO DELLA BASILICATA, Deputazione di Storia Patria per la Lucania, 23, pp. 367-380.
  11. GERACI M. (2006). La mia vita di cantastorie. Vicende autobiografiche curate e introdotte da Mauro Geraci. Di VITO SANTANGELO. (pp. 7-175). ISBN: 8873857035. BRESCIA: Grafo Edizioni.
  12. GERACI M. (2006). Il silenzio svelato. Retorica dell’assenza nella poesia popolare siciliana. In: SCAFOGLIO D. A CURA DI. La coscienza altra. Antropologia e poesia. (pp. 344-360). SALERNO: Marlin Editore (ITALY).
  13. GERACI M. (2005). Conversazioni con Fortunato Sindoni. IL CANTASTORIE. vol. 69 (101), pp. 53-63.
  14. GERACI M. (2005). Dalla chanson de geste alla ragion degli uomini. L’umanizzazione dell’eroe nella letteratura epico-cavalleresca dei cantastorie. In: PERRICONE R. A CURA DI. Mori e cristiani nelle feste e negli spettacoli popolari, Studi e materiali per la storia della cultura popolare, Atti del XXX Festival di Morgana. (vol. 26, XXX, pp. 163-192). PALERMO: Museo Internazionale delle Marionette (ITALY).
  15. GERACI M. (2005). Franco Trincale, il cantastorie costruito dagli operai (II). IL CANTASTORIE. vol. 68 (100), pp. 35-49.
  16. GERACI M. (2005). I cantastorie e la canzone popolare di oggi. In: LA CAMERA C. A CURA DI. Praxis. Voci e memorie della cultura popolare. (pp. 38-60). REGGIO CALABRIA: Laruffa Editore (ITALY).
  17. GERACI M. (2004). Franco Trincale, il cantastorie costruito dagli operai (I). IL CANTASTORIE. vol. 66 (98), pp. 34-35.
  18. GERACI M. (2004). L'ora del cantastorie. In: FARANDA L. A CURA DI. "Non uno di meno". Diari minimi per un'antropologia della mediazione scolastica. (pp. 189-221). ISBN: 88-8358-658-1. ROMA: Armando Editore (ITALY).
  19. GERACI M. (2002). Cicciu Busacca e l'eredità delle sue lacrime. In: TOMASELLO N. Cicciu Busacca. Cantastorie. (pp. 9-13). CATANIA: ITI Cannizzaro (ITALY).
  20. GERACI M. (2002). I cantastorie siciliani e la realtà che diventa fiaba. In: ONGINI V. A CURA DI. Chi vuole fiabe, chi vuole? Voci e narrazioni di qui e d'altrove. (pp. 41-55). ISBN: 88-87078-220. FIRENZE: Idest (ITALY).
  21. GERACI M. (2002). Il silenzio svelato. Rappresentazioni dell'assenza nella poesia popolare in Sicilia. (pp. 1-162). ISBN: 88-8353-169-8. ROMA: Meltemi Editore (ITALY).
  22. GERACI M. (2002). La riflessione poetico-musicale dei cantastorie siciliani. In: SCAFOGLIO D. A CURA DI. Le letterature popolari. Prospettive di ricerca e nuovi orizzonti teorico-metodologici. (pp. 509-520). ISBN: 88-495-0172-2. NAPOLI: Edizioni Scientifiche Italiane (ITALY).
  23. GERACI M. (2000). Ignazio Buttitta: il poeta dei cantastorie siciliani. In: BRANCA M., CLEMENTE P. A CURA DI. Poesia. Tradizioni, identità, dialetto nell'Italia postbellica. (pp. 151-183). ISBN: 88-7166-507-4. FIRENZE: Casa editrice Le Lettere (ITALY).
  24. GERACI M. (1999). Fontane del tempo. In: LOMBARDI SATRIANI L.M. A CURA DI. La sacra città. Itinerari antropologico-religiosi nella Roma di fine Millennio. (pp. 107-160). ISBN: 88-86479-70-0. ROMA: Meltemi Editore (ITALY).
  25. GERACI M. (1999). Franco Trincale: Militello, la piazza, la scuola. IL CANTASTORIE. vol. 37, 56, pp. 4-8.
  26. GERACI M. (1998). Il Sud del Duemila: i nuovi poeti-cantastorie. WORLD MUSIC. vol. 34, pp. 4-10 ISSN: 1121-5844.
  27. GERACI M. (1997). I silenzi della storia. NUOVE EFFEMERIDI. vol. X, 39, pp. 39-44 ISSN: 0394-6487.
  28. GERACI M. (1997). Le cronache dei cantastorie. NUOVE EFFEMERIDI. vol. X, 40, pp. 94-113 ISSN: 0394-6487.
  29. GERACI M. (1996). Le ragioni dei cantastorie. Poesia e realtà nella cultura popolare del Sud. (pp. 1-380). ISBN: 88-86761-00-7. ristampa 1997. ROMA: Il Trovatore (ITALY).
  30. GERACI M. (1995). Dall'elogio del silenzio al pentimento. Mafia e banditismo nella letteratura dei cantastorie siciliani. ETNOANTROPOLOGIA. vol. 3/4, pp. 40-52.
  31. GERACI M. (1994). Il matrimonio primitivo. Di MC LENNAN J.F. Cura e traduzione dall'edizione inglese del 1865 di Mauro Geraci. ROMA: Ei Editori (ITALY).
  32. GERACI M. (1990). Una "doppia morale": i nuovi cantastorie di Sicilia. UP & DOWN. vol. III, 1/2, pp. 84-105 ISSN: 0394-8005.
  33. GERACI M. (1989). Africa-Eurasia. L'antropologia comparativa di un africanista-europeista: Jack R. Goody. AFRICA. vol. XLIV, 3, pp. 382-402 ISSN: 0001-9747.
  34. GERACI M. (1989). Sentimento e causalità nella Rivoluzione francese. UP & DOWN. vol. II, 7/8, pp. 106-117 ISSN: 0394-8005.







MAURO GERACI

Le ragioni dei cantastorie
Poesia e realtà nella cultura popolare del Sud
Prefazione di Luigi M. Lombardi Satriani
Il Trovatore, Roma, 1996 (II edizione 1998), p. 380, £. 40.000.

Questo libro si pone quale attento itinerario antropologico attraverso le biografie, le attività professionali, le origini storiche, i repertori poetico-musicali e le modalità comunicative dei moderni cantastorie del Sud d'Italia. Un itinerario il cui scopo è quello di mostrare come oggi l'operare dei pueti-cantastorii risulti arricchito di nuove prospettive tematiche ed espressive, solo in parte riconducibili ai tradizionali ambiti spettacolari della cultura folklorica. La poesia dei cantastorie pare farsi carico delle indeterminazioni politiche e sociali del presente che, così, si cosparge di contrasti. Nulla vi appare di acquisito: il cambiamento, la mobilità, la precarietà diventano familiari; la novità, il gusto dell'effimero, la mutevolezza delle azioni e informazioni inducono a un atto di liberazione morale in cui trionfa l'entusiasmo di esserci nello scovare le inadempienze di ogni ordine di valori.
Contrasti e mutamenti morali rilevati nella condizione femminile, nella sfera matrimoniale e domestica, nel banditismo, nella mafia, nel malgoverno, nell'emigrazione come nel rapporto con il divino, non possono infatti sommariamente attribuirsi alla presunta inefficacia assertoria della ragione dei cantastorie. Tale visione risulta tanto più riduttiva non appena si ricordi l'elevato grado di interiorizazione, da parte dei cantastorie, delle potenzialità cognitive insite nella scrittura, nella vocalità, nella stampa, nella grafica cartellonistica, nella gestualità come nella "piazza" discografica e radiotelevisiva. L'assidua integrazione di tali mezzi nei cantastorie facilita l'acquisizione di un sapere che evidenzia la stratificazione dei discorsi possibili su un evento o la relatività che si sa esser propria di ogni concezione del mondo.





MAURO GERACI
Il silenzio svelato
Rappresentazioni dell'assenza nella poesia popolare in Sicilia
Meltemi Editore, Roma, 2002, p. 162, Euro 14,50.

Considerare il silenzio quale vero e proprio fatto comunicativo interno a ogni linguaggio e a ogni cultura, e iniziare a riconoscerlo nelle pieghe linguistiche, retoriche e simboliche di ogni discorso poetico, nel caso specifico, di quello popolare siciliano.
Mauro Geraci approfondisce, in questa chiave antropologica, le intuizioni di intellettuali come Leonardo Sciascia, Danilo Dolci, Luigi M. Lombardi Satriani che già hanno indicato nei modi di dire e nelle formalizzazioni poetiche dei siciliani l’attrazione verso il silenzio quale comunicazione allusiva, ironica, metaforica propria della cultura folklorica. Mauro Geraci individua così nelle preghiere, nelle canzoni amorose, negli indovinelli, nei canti di carcere e mafia, nelle storie e nelle ballate dei poeti-cantastorie siciliani quelle “rappresentazioni dell’assenza” che si danno nell’ascolto delle parole cui s’è già dato senso, così come nell’immaginario che le circonda, in cui si scorgono le ombrose sfumature delle cose e dei gesti.





VITO SANTANGELO
La mia vita di cantastorie
Vicende autobiografiche di Vito Santangelo curate e introdotte da mauro Geraci
  Grafo Editore, Brescia, 2006, p. 175, Euro 20.

La mia vita di cantastorie è l'autobiogeafia di Vito Santangelo.
Il libro è anche testimonianza dell'incontro tra l'autore e Mauro Geraci, l'antropologo che da oltre vent'anni segue con partecipazione scientifica l'operare dei cantastorie siciliani. L'originale motivo antropologico di questo lavoro è dato dal fatto che, col suo scritto, Santangelo si confronti non con l'abituale piazza affollata di persone a cui espone le storie degli altri in forma cantata, bensì con la postazione "silenziosa" e autoriflessiva di casa sua. La casa, non la piazza, è qui la dimensione narrativa eletta da cui avviare una ricostruzione del sé, una capillare riflessione sulla propria vita di cantastorie. La guerra, la fame, il lavoro bracciantile, i conflitti familiari, i canzonettisti ambulanti, l'incontro col maestro paolo Garofalo, i sacrifici, il debutto, il pubblico mutevole delle piazze, fino ai successi discografici, ai premi, all'incontro col poeta Ignazio Buttitta, costituiscono solo alcuni dei temi che Santangelo narra a se stesso, a Geraci, ai futuri lettori del "suo libro". Nel complesso, una particolare opportunità per ripensare storicamente la delicatissima, ineludibile soglia tra autobiografia e antropologia.






MAURO GERACI
Prometeo in Albania
Passaggi letterari e politici di un paese balcanico
  Rubbettino Editore, Soveria Mannelli (CZ), 2014, p. 500, Euro 19.

Frutto di una ricerca etnografica iniziata nel 2003, il saggio di Mauro Geraci - Professore associato di Antropologia culturale presso l’Università degli Studi di Messina - prende in esame in una sintesi documentaria, il grande fermento letterario ed editoriale che, ieri come oggi, continua a incidere nella trasformazione politica dell’Albania. Soprattutto dal 1991, anno finale del ferreo regime comunista durato mezzo secolo, il ruolo del libro, nelle sue molteplici accezioni estetico-letterarie e socio-politiche, svolge un ruolo di primo piano nelle prospettive europeiste dell’Albania. Le continue iniziative - scritture, pubblicazioni, fiere, presentazioni, narrazioni, memorie, diatribe - che rendono effervescente l’attuale panorama letterario albanese, movimentano di fatto un mare di libri, autori e autorità attraverso cui l’Albania e il suo passato vengono ripensati nelle loro storiche contraddizioni e, contemporaneamente, riadattati, riscritti e rivolti alla costruzione di una rinnovata identità, dialogica nei confronti dell’Unione Europea. L’assunzione del fenomeno letterario albanese in chiave antropologica lascia inoltre comprendere come i recenti passaggi politici e culturali del Paese siano andati di pari passo alla progressiva diffusione delle tecniche editoriali, allo sviluppo dei circuiti pubblicitari come alla sperimentazione dell’efficacia conoscitiva del libro nel rinnovato panorama delle reti globali e digitali di comunicazione.

In questa prospettiva Mauro Geraci mostra come il “mare di libri” che oggi attraversa la vita politica albanese finisca per riproporre, in versioni aggiornate e mature, una concezione “prometeica” dello Stato e della vicenda storica nazionale. Quali derivazioni di un  nazionalismo sorto in epoca romantica, le stesse pratiche librarie, la “rocca illirica”, Prometeo, Scanderbeg, Kadare, Madre Teresa, le statue dei partizan e dei martiri della nazione, come anche montagne, piramidi, “palazzi dei sogni”, memorie dei gulag come il teatro del sangue e delle aquile, dei ponti come del mare, finiscono per riaggiornare in un mosaico letterario e simbolico compiuto l’Albania della vincente perdita o le metamorfosi di un albanismo per molti aspetti utile all’attuale transizione. Si tratta, in fin dei conti, di un’occasione per ripensare, in una prospettiva più generale, i complessi rapporti tra letterature, vite e storie nazionali, a partire dal cuore pulsante di un’Albania che, in un pullulare di case editrici, libri, autori, traduttori, biblioteche, librai, illustratori, saloni del libro, festival letterari, come anche istituti di ricerca e di cultura, rivede se stessa, il suo rapporto con gli altri e la futura Europa.


   


Per acquistare il libro o per avere informazioni su altre pubblicazioni scrivete a:
geraci@mclink.it