JOCU DI FOCU A BAGDAD
Versi e musica di Mauro Geraci
 

Ma come fu che gli venne a Saddam
sta botta ‘i geniu ppi lu Ramadan,
a Bagdad vosi fari un fistinu
cu carni ‘i porcu e buttigghi di vinu.

Dopo tant’anni ora forse ha capito
che nel Duemila il mondo è cambiato,
che Allah cu Diu ora fannu l’amuri
comu Gesuzzu e Maumettu a tutt’uri.

Pi fistiggiari la paci dicisa
giochi di focu di chiddi a surprisa
li priparava Saddam in Iraq
cu razzi, botti, petardi e tric trac.

E mentre dormi felici e cuntenti
lui si sognava tutta la sò genti
senza cchiù burka e nemmancu turbanti
che ‘u giocu i focu si godi fistanti.

Ma la matina ci passò la fami,
a li capiddi si misi li mani:
«Latra, buttana, miseria, c’haju a fari
mancu ‘m pitardu iu pozzu sparari?».

Mentri ca iddu tranquillu runfava
Bush all’Iraq la guerra addichiara:
«Saddam pi fissa tu non m’ha pigghiari,
non son petardi ma armi nucleari».

«Chi minchia dici - ci dissi Saddam -
sunnu pitardi pi lu Ramadan,
si non ci cridi, gran testa di conu,
mannami cca l’ispitturi di l’Onu.

Giurgeddu miu ch’è brutta ‘a vicchiaia
ca ti scurdasti ‘u trattatu di l’Aja,
missili e bombe tuo padre ci ha dato
però nel Golfo me l’ho consumato.

Perciò da allora putemu sparari
sulu pitardi pi Carnalivari,
e s’iddu ora nni rumpi ‘i cucuzzi
di lu pitroliu iu abbruciu li puzzi».

E gli ispettori dall’Onu mandati
‘nveci di bummi truvaru patati,
quattru cipuddi, ddu mazzi ‘i scarola,
pumudureddi, alivi e citrola.

Ora George Bush cu Blair e Berlusca
cercano all’Iraq n’avutra musca,
e mentri aspettanu di bombardari
‘sta capunata si ponnu sucari.

Comu George Bush Saddam è assassinu,
si bivi sangu inveci di vinu,
ca nta sta guerra pur’iddu ci mancia
e di la borsa si riempe la pancia.

Lu populinu ora misi ‘u divietu
e pensa sempri Piazzali Loretu
e si Berlusca la guerra amminazza
cu Blair e Bush la storia l’ammazza!

CREDO
Versi e musica di Mauro Geraci


Bibbia, Genesi 2, 8-17. 
"Il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò l’uomo che aveva plasmato. Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui l’albero della vita in mezzo al giardino e l’albero della conoscenza del bene e del male. Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison; esso scorre intorno a tutto il paese di Avila, dove c’è l’oro e l’oro di questa terra è fine; qui c’è anche la resina odorosa e la pietra d’onice. Il secondo fiume di chiama Ghicon: esso scorre intorno al tutto il paese d’Etiopia. Il terzo fiume si chiama Tigri: esso scorre ad oriente di Assur (Bassora). Il quarto fiume è l’Eufrate. Il Signore Dio prese l’uomo e lo pose nel giardino di Eden perché lo coltivasse e lo custodisse".

Cosa dovresti fare,
se già non t’hanno ucciso,
ora che ti bombardano
perfino il Paradiso?

Cosa dovresti fare
agli angloamericani
che i meli te li bruciano
con i loro areoplani?

Cosa dovresti fare,
se vedi con gli occhiali,
i missili che centrano
mercati ed ospedali?

Cosa dovresti fare
per ogni Ave Maria
di quelli che qua gridano
«Pace e democrazia»?

Cosa dovresti fare,
dopo uno sbadiglio,
per far trionfar la voce
del Papa e di tuo Figlio?

Cosa dovresti fare
per ogni sorrisino
di Bush che commenta
la morte di un bambino?

Cosa dovresti fare
perché non si disperda
la STORIA che ora infama
st’AMERICA DI MERDA?

Cosa dovresti fare
- bruciarli al giroarrosto? -
a quelli che la morte
infliggono al tuo posto?

Cosa dovresti fare
da vero galantuomo
se un dì la morte eterna
ci desti per un pomo?

Cosa dovresti fare,
ora ti dico io,
se come molti credono
sei veramente Dio?