ULTIMA MORALE DEL CANTASTORIE GERACI:

Lu primu jaddu sbatti l'ali, stira 'u coddu e frisca sulu!

L'ultimo aggiornamento l'ho fatto: Martedì 25 Marzo 2015


M A U R O  G E R A C I

...chi ama la puisia e la paci!
(...da una dedica di Ignazio Buttitta)

La Sicilia per noi cantastorie non è l'Isola. E' la Piazza del mondo.
Un tempo lo furono fogli volanti, microfoni, dischi, cassette, mass media. Oggi a dilatare la voce, la chitarra, il pubblico dei cantastorie siciliani è Internet. Siete, allora, nella piazza di un antropologo culturale che a forza di studiare i cantastorie siciliani è diventato cantastorie egli stesso ripresentando al pubblico ballate antiche e nuove secondo stili, temi, linguaggi, saperi
solo in parte riconducibili al folklore siciliano. Su essi si è appuntata la vocazione informativa, provocatoria, dialettica, satirica che fu di poeti-cantastorie come Ignazio Buttitta, Orazio Strano, Ciccio Busacca, Ciccio Paparo (Rinzinu), Paolo Garofalo e, oggi, di Vito Santangelo, Fortunato Sindoni e, forse, mia. Questa piazza telematica vi potrà mettere in contatto diretto con me e altri cantastorie siciliani, con le loro origini e i loro prodotti discografici e letterari. Qui potrete informarvi sui concerti o lasciare messaggi e proposte. Anche voi, date notizia delle vostre poesie, ballate, canzoni narrative per entrare nella piazza viva dei cantastorie.




Web di Mauro Geraci - Roma 1999 - 2015
- geraci@mclink.it


IO, CANTASTORIE
STORII, BALLATI, PUISII






 

SPETTACOLI E PICCIULI





LOCANDINE CONCERTI

Qui alcune locandine

dei miei spettacoli
e conferenze-recital






  ULTIMISSIMISSIMA 

All'Expo, all'Expo!
Versi e musica di Mauro Geraci

scarica mp3 di All'Expo, all'Expo!



 
Ci vediamo all'Expo popò popò,
per mangiare un bel po' popo' popo',
c'è un buffet ch'è un incanto,
basta aver qualche santo.
Forza, avanti all'Expo però però
durerà solo un po' popo' popo',
poi vedrem come far
per tornare a mangiar.

Noi ricchi siamo pochi e disperati
per quanti sono poveri e affamati,
i beni non ci bastan per sfamare
chi oggi più non sa cosa mangiare,
e per far dono ai poveri del mondo
noi ogni sacco puliamo sino al fondo.

Abbiam preso all'Expo popò popò
soldi e appalti però però però,
per il ben della terra,
per la fin d'ogni guerra.
Ci prendiamo all'Expo popò popò
tutto quel che si può popò popò
per dar nuova energia
alla democrazia.

Oggi di cibo non se ne parla mai,
La 7, Mediaset, manco la Rai,
l'alta cucina è proprio allo sconquasso
con chef e sommelier che sono a spasso.
Se nel pianeta la vita è assai precaria
è perché è in crisi l'impresa culinaria.

Forza avanti all'Expo popò popò
"Detto Fatto" però però però
la Balivo risalto
darà al nostro comparto.
All'Expo un bel plafond fond fond fond fond
per il nostro smartphone phone phone phone phone
mentre agli altri assaggini
semmai solo un caffè.

Vogliam noi ricchi biodiversità,
lotta agli sprechi, sostenibilità,
natura, ambiente, la dieta per gli obesi
e cibi bio senza più malintesi.
Vi aiuterà dal nord fino al sud
dell'Expo la mascotte dal nome Foody...

A voi penserà Foody Foody Foody
e mai più come Buddi Buddi Buddi
e la pancia s'asciuga,
basta solo un'acciuga.
A Milano all'Expo popò popò
un bicchier d'oltrepò popò popò
Foody senza solfuro
te lo prendi nel Po Po Po Po Po.

All'Expo un bel menù menù menù
dal prosecco al bijoux bijoux bijoux,
abbiam preso la torta,
abbiam fatto la scorta.
All'Expo invece tu puppù puppù
avrai sempre di più puppù puppù
dove resti a nuotar
come fossi nel mar.



TAG
Tradizione, turismo, folklore, cucina, ambiente, benessere,
salute, ecologia, cibi sani, natura, energia, pianeta, vita, dieta mediterranea,
Italia, Francia, vino, enologia, Germania, Giappone, Stati Uniti, Inghilterra
Olanda, Spagna, Portogallo, alberghi expò, hotel, sistemazione, Milano, Lombardia,
Veneto, Piemonte, Friuli, Emilia Romagna, Lazio, Toscana, masterchef,
detto fatto, ricette, nutrizione, alimentazione, Firenze, salone, internazionale,
cibo, mondo, pianeta, biodiversità, ecologia



Nicole, nicuzza
  Vittima appena nata della malasanità siciliana
Versi e musica di Mauro Geraci

scarica qui l'mp3

Cchiù non ci pari morta e mancu viva
e 'u patri si l'annaca cu la cascia
unn'idda è chiusa e lu parrinu arriva,
la binidici cu la testa vascia.

Pi tia Nicole un sulu rispiru,
mancu 'na culla dintra lu 'spitali,
di 'sta Sicilia 'nfami fai lu giru,
nuddu ti desi un lettu pi cripari.

Ccà comu si sa
campa la feccia di la sanità.
Tu cchiù non ci sì
e non c'è un cani ca dici picchì.



Supra di l'ambulanza appena infanti,
Nicuzza grapiu l'occhi e si dicisi,
poi li chiudiu e morsi sull'istanti
picchì Suli non vitti a 'stu paisi.

Ccà comu si sa
regna la liggi di l'omirtà
e la virità
pi tia Nicole mai si saprà.


...presto anche l'mp3 di
Sanità!




E Lampedusa pari fussi Europa...

Versi e musica di Mauro Geraci

Lu cielu supra a navi si fa strittu
guardatu di mill'occhi a la diriva,
l'avutri milli non hannu dirittu,
pi d'iddi l'universu è nta la stiva.

Tripoli è ormai luntana e non si vidi,
non ci su' stiddi e non c'è cchiù la luna
ma cu sta sutta veru non ci cridi,
pensa passatu 'u mari a la furtuna.

Lu ventu è friddu e ognunu si li strinci
li vrazza nta li spaddi pi cuperta,
la fami ferma, 'a siti e comu sfinci
affrunta ora l'urtima trasferta.

...mari e disertu
lu stissu sunnu,
siccanu a vucca,
la peddi e l'ossa,
siccanu 'a storia,
puru li nomi
chiddi ca 'u passanu

non hannu cchiù.



Si va strincennu puru lu parrari
supra lu ponti di dda navi persa,
sutta non hannu ciatu pi ciatari
'ffuga la nafta ogni parola persa.

Cu è svigghiu ancora pensa a lu caminu
chi fici pi fujri di la guerra,
d'a fami dulurusa e d'un cainu
chi lu tineva cu lu mussu 'n terra.

E fora 'u mari 'nzonna la curuna,
li stiddi di l'Europa assai stramani,
chi surgi e a tutti l'amuri ci duna,
na tavula cunzata e un pezzu 'i pani.

...e inveci è scuru,
non puoi scappari,
lu mari è muru
senza lampari,
sulu 'u muturi
nta l'ariu forti
svapura uduri
comu la morti.



E Lampedusa pari fussi Europa...
carzaru duru è pi st'innuccenti,
dd'occhi sgranati tisi all'orizzonti
ora su' chiusi a chiavi nta li centri.

Centri di permanenza temporanea
unni li besti ammassanu a lu stazzu,
lu suli a picu li testi trapana,
lu granni cu lu nicu nesci pazzu.

Mentri a Bruxelles lu Miditirraneu
na cartulina pari, na bannera,
pittattu azzurru è ogni lituraneu
e luciunu li stiddi a ogni riviera.

...pari l'Europa
all'orizzonti
'nveci è un canali
senza Caronti.
A Lapmpedusa
trova cu sbarca
sulu na mamma
chi porta l'acqua.





VIDEO SU