ULTIMA MORALE DEL CANTASTORIE GERACI:
SUNNU CCHIU' ONESTI LI LATRI DI PASSU DI LI FURMICUZZI!


L'ultimo aggiornamento l'ho fatto Lunedì 28 Marzo 2011




M A U R O  G E R A C I

"...chi ama la puisia e la paci!"
(...da una dedica di Ignazio Buttitta)




CERCA
MAURO GERACI
 E VEDI
I VIDEO DELLE MIE BALLATE
PIU' RECENTI:


Porta in faccia
a Welby

*
A un rumeno

*
La mafia della tradizione






 


 T R O F E O   "T U R I D D U  B E L L A"  2 0 0 8
 Foto della premiazione, motivazione e ringraziamenti!



Prossimi
recital
e
libro nero
di chi non
m'ha pagato












SE VUOI
MANDARMI
UN'E-MAIL


geraci@mclink.it


Discografia

La Sicilia per noi cantastorie non è l'Isola. E' la Piazza del mondo.
Un tempo lo furono fogli volanti, microfoni, dischi, cassette, mass media. Oggi a dilatare la voce, la chitarra, il pubblico dei cantastorie siciliani è Internet. Siete, allora, nella piazza di un antropologo culturale che a forza di studiare i cantastorie siciliani è diventato cantastorie egli stesso
ripresentando al pubblico ballate antiche e nuove secondo stili, temi, linguaggi, saperi
solo in parte riconducibili al folklore siciliano. Su essi si è appuntata la vocazione informativa, provocatoria, dialettica, satirica che fu di poeti-cantastorie come Ignazio Buttitta, Orazio Strano, Ciccio Busacca, Ciccio Paparo (Rinzinu), Paolo Garofalo e, oggi, di Vito Santangelo, Fortunato Sindoni e, forse, mia. Questa piazza telematica vi potrà mettere in contatto diretto con me e altri cantastorie siciliani, con le loro origini e i loro prodotti discografici e letterari. Qui potrete informarvi sui concerti o lasciare messaggi e proposte. Anche voi, date notizia delle vostre poesie, ballate, canzoni narrative per entrare nella piazza viva dei cantastorie.



Premi


ULTIMISSIMISSIME 

Il cantastorie Mauro Geraci
vi presenta l'ultima sua ballata
che vuole essere una vera e propria statua poetica a
LU MINISTRU CU 2 TT
e cioè a Guttenberg, il bravissimo Ministro della difesa tedesco
che si è dimesso confessando di aver copiato
due capitoli della tesi di Dottorato.
La mia totale stima a questo grande uomo politico che,
 al contrario di quelli che infangano l'Italia,
 ha davvero dimostrato di avere due due TT

* * *

Mannaja! Pi na T non si po’ diri
chi Gutenberg ci veni comu avu,
ma cu ddui TT giniali fu l’ardiri
di Guttenberg chi fu puru cchiù bravu,
tantu ca ogni nazioni com’un divu
na gran statua ci fa puru si vivu!

Lu munnu interu grapi l’obbiettivu
supra di Guttenberg, Ministru d’a difisa
chi da Berlinu a tutti lu mutivu
spiegau mentri si leva la divisa:
«Iu mi dimettu - dissi -, e fu riatu
picchì cupiai la tesi ‘i Dottorato! 

Chi pozzu diri cchiù: - Sdisonuratu! -
chiamatimi pi sempri o mè signuri!
Scriveva notti e ghiornu a pirdiciatu
e di non cunsignari avia tirruri,
sudava friddu e poi ccà e ddà piscai
finu chi dui capituli arrunzai.

Mea curpa, curpa mea fu ed oramai
iu chianciu, mi dimettu e chiedu scusa
a la Germania levu di li guai,
ed a li judici rassignu la mè accusa.
Ancila Merkel, gioia mia, pirduna
stu cani cchiù non merita patruna!»


* * *

Di l’Alpi trapassau comu cicluna
e la nutizia sdignau lu triculuri,
pi la murali di sta gran pirsuna
a nuddu 'vvampau 'n facci lu russuri:
«Ma quant’è bestia - pinsaru i doppi petti -
non ruba nenti e sparti si dimetti!

Chistu è “ministru” tra li virgoletti,
senza punti, puntini e senza paddi,
mancu s’arraffa un tost ch’i suttiletti
e un pollu pari a nui ca semu jaddi,
un pollu comu chiddi, si po’ diri,
chi nni vutaru e nni fannu arricchiri».

Ora cu 'ntisi ccà pò distinguiri
lu rettu omu di lu malacunnutta,
cu si cunfessa pi la liggi obbidiri,
cu sbafa mentri sputa a cu c'è sutta.
In coru ora pinsati: chi ha coglioni
cu havi ddui TT oppuru Berlusconi?



FAUCI DI FANGU
a Scaletta Zanclea e Giampilieri
Versi e musica di Mauru Giraci

Vedi il filmato realizzato da
Giuseppe Maimone su



Lu tamburu nta lu cielu
era temu chi trunava,
era scrittu nto Vangelu
chi la morti ormai arrivava

cu la vesti comu ventu,
un diluviu supra 'i casi,
na culata di cementu
comu fauci chi trasi,

tagghia ciumi, li muntagni,
li paisi senza luci,
niri favuci di fanghi,
un Calvariu senza cruci,

senza strati e ferruvia,
sbalancati tutti 'i porti,
a cavaddu in ogni via
lu triunfu di la morti.



SCALETTA E GIAMPILIERI, SI RISPIRAVA FANGU,
TRASIA NTA LI PURMUNA E ADDIVINTAVA SANGU
CHI A MARI SI NNI VA... CHI A MARI SU NNI VA...


Era tempu chi batrteva
ddu tamburu dintra 'a testa
e lu populu sapeva
chi vicina era la festa,

chi si supra la buscagghia
un incendiu c'è ogni sira
quannu chiovi 'a terra squagghia
comu focu cu la cira;

chi a fiumara non pirduna
li licenzi d'u Cumuni
e s'incontea 'i palazzuna
si li mancia c'un buccuni.

Lu Calvariu era privistu,
a scavari sunnu pronti,
manca sulu quarchi Cristu
pi pinsari sulu 'o ponti.

TRENTA CRISTI DI FANGU SUPRA L'ARCUBALENU
IN FILA SI NNI SCINNUNU SUTTA DI LU TIRRENU
UNNI CCHIU' SCURU FA... UNNI CCHIU' SCURU FA...
FINIU LU MALUTEMPU, SCALETTA E GIAMPILIERI,
LA MANU SPORA 'I FANGU HAVI LU CAVALERI
CHI A ROMA TORNA GIA'... CHI A ROMA TORNA GIA'...






STORIA ITALIANA
DI UNA BADANTE BIELORUSSA
Versi e musica di Mauro Geraci
La badante che per paura di andare all'ospedale ed essere denunciata
dai medici come clandestina è morta dissanguata nel silenzio della casa
dove assisteva un'anziana, vicino Bari, a causa di un "aborto naturale".
Una triste storia che denuncia il disumano clima di insicurezza, terrore e morte
instaurato dal "pacchetto sicurezza" appena varato!
Clikka e ascolta da qui in un mio video su



Nenti acqua e ditirsivu
nta lu secchiu oggi ci misi,
sulu sangu russu vivu
pi lavari stu Paisi.

'N terra jttata resta muta
cu sò figghiu chi si squagghia,
dormi 'a vecchia e non ascuta
'nzoccu abbrucia sutta 'a pagghia.

Un abbortu pi l'abbili,
'na nuttata supra 'a panza,
ntra li cosci lu vacili,
clandistina nta na stanza.

Ylenia abbrazza 'u Suli e si cunfida,
pensa chi agghiorna e squagghia lu duluri,
la Cruci Russa è Nira e non si fida
di li medici sbirri e tradituri.
Scula lu sangu, l'occhi 'n terra vannu,
prima chi s'arruspigghia la signura
havi a lavari tuttu lu sò dannu,
pò ripusari n'avutra menz'ura.

Non dormi e si scantau
d'u "pacchettu sicurizza"
unni 'a liggi si 'mmiscau
cu l'infamia e l'ingiustizia,

quannu spinci a li maistri
e ai dutturi a dinunciari
li straneri senza visti,
chi si scantanu a campari.

Li badanti non su' donni,
clandistini porti porti,
e li medici culonni
d'u Guvernu di la Morti.

E lu vacili 'm pettu lu strincia
unni sò figghiu già s'era virsatu,
la forza di lavari non l'avia
lu pavimentu di russu allurdatu.
Nisciu lu Suli e 'n terra s'asciugau,
vacanti è Ylenia comu 'na campana,
sona a marteddu e 'a vecchia si svigghiau
senza cchiù casa e sula nta dda chiana.




Leggete, signori miei, l'ultima mia storia
tratta da una straordinaria novella di Luigi Pirandello

ERESIA CATARA

Ho voluto scrivere questa storia perchè la novella del sommo agrigentino,
attraverso la vicenda del protagonista Prof. Lamis,
anticipa in maniera sorprendente l'odierno stato di degrado,
di disservizio, di finto internazionalismo, di presa in giro per gli studenti,
di efficientismo da quattro soldi, di spreco
in cui oggi, con scellerate riforme e riforme,
hanno del tutto affossato l'università e la cultura italiana.

LEGGETE E MEDITATE CON LUIGI PIRANDELLO
VERSIFICATO E CANTATO DAL CANTASTORIE MAURO GERACI.

APRI O SCARICA DA QUI IL FILE WORD





...SENSAZIONALEEEEEEEEEEEE...

in Sicilia non c'è più la tradizione della mafia ma...

LA MAFIA DELLA TRADIZIONE

Versi e musica di Mauro Geraci

Una ballata dedicata a cantautori, buffoni travestiti da cantastorie, cantori della tradizione,
cantastorie venduti alla mafia del potere politico-culturale...
Una ballata dedicata a 'sti  nuovi paladini della Sicilia e del suo cosiddetto patrimonio...
Una ballata sottoscritta anche dal cantastorie Fortunato Sindoni.

Vuoi sottoscriverla anche tu?
Leggila con attenzione e poi manda un commento via e-mail

geraci@mclink.it
che verrà subito pubblicato integralmente sul sito.


Scarica da qui stesso la versione audio della ballata in mp3.


Fortunato Sindoni - Cantastorie (20 dicembre 2007)
Condivido in pieno! Sei stato bravissimo a mettere in musica e poesia
la mafia di coloro che vogliono uccidere tutta la creatività e l'impegno dei cantastorie
attraverso paradossali progetti di tutela e salvaguardia della tradizione e del cosiddetto patrimonio.
Hai riassunto in poesia tutti gli aspetti di riflessioni comuni di cui discutiamo da anni
e che sono gli scopi primari dell'Associazione Il Mondo dei Cantastorie che, coerentemente,
non ha MAI chiesto ad alcun ente un contributo o un finanziamento nonostante abbia promosso
diverse iniziative per noi cantastorie. Sottoscrivo! Fortunato Sindoni.


Carlo Barbera - Attore
(6 gennaio 2008)
Caro Mauro, ho letto e ascoltato con attenzione "La mafia della tradizione". Sottoscrivo in pieno quanto tu esprimi.
Quando ti trovi a Messina chiamami, attendo ancora quel materiale che mi avevi promesso a giugno.
Con Fortunato abbiamo pensato di incontrarci quando ci saresti stato anche tu.
Saluti, Carlo Barbera.

Mirko Sorrenti - Musicista, Webmaster (9 gennaio 2008)
Ciao Mauro con molto piacere ho fatto un articolo sul mio blog della cantata con il link per poter scaricare il file mp3.
Vedi: http://stelladelsud.blog.excite.it
Per quanto riguarda il mio commento: credo che questa ballata affronti un tema nuovo,
non tanto perchè non era mai stato trattato prima ma perchè è qualcosa difficile da percepire dal siciliano medio.
Siamo stati fin da piccoli abituati a vedere
certi spettacoli con attoroni che ci parlano della nostra terra  e delle nostre tradizioni,
e tutti dovremmo prendere spunto dalla tua ballata per cercare di riflettere ed aumentare la nostra capacità di discernere
se quello spettacolo o ballata rappresenta realmente le nostre radici.
A presto Mirko
.


Sicilia scusa st'urtima cantata
mentri tu crepi sutta a lu folklori,
sutta muntagni 'i carta patinata,
sutta la mafia di li to' assessori.
Cu la me vuci tu non canci strata,
ca cu ti sbafa non havi lu cori.
Sicilia lu mé chiantu friscu e puru
a tia lu versu chi non hai futuru.
 
Supra di tia lu cielu è scuru scuru
di corvi accafuddatu e li rapaci
a morti ti lu sonanu 'u tamburu
mentri di tia si mustranu siguaci,
li carni ti li mancianu a spergiuru
friddi, a granfati, senza focu e braci.
Basta cu sti metafuri e allusioni:
ECCU LA MAFIA DI LA TRADIZIONI.

Non sunnu coschi, no, su' ASSOCIAZIONI
DI LA CULTURA ditti 'o capizzali
di li Cumuni, Pruvinci e Reggioni
e sucanu li minni cchiù vitali.
Parchi, istituti, musei, fondazioni
li feudi d'oggi su' d'u capitali
e in nomu di lu studiu gran parati
fannu 'i carretti, cannola e cassati.

E i pupi? Ecculi ccà, non vi scantati,
li veri paladini d'u teatrinu:
i CANTAUTORI, li fausi strazzati
cu la bandana 'n testa e lu cudinu,
'N ARICCHIA A LU PADRINU STA APPIZZATA,
NTA L'AVUTRA CI LUCI L'ORICCHINU.
VUCI E CHITARRI CI L'HANNU VACANTI:
"NON TI CURAR DI LORO E PASSA AVANTI!"

Iddi si spaccianu pi rapprisintanti
di la Sicilia vera popolari,
figghi d'u Vespru sunnu e li mandanti
a tutti 'i banni li fannu cantari,
dintra li scoli, tiatri 'mpurtanti,
a li turisti ci fannu i giullari.
Miliuna si nn'ammuccanu cu amuri
cantannucci a gran vuci Ciuri ciuri.

Ma c'è cu pensa ca su' tradituri
quannu decantanu st'Isula filici
senza la mafia, 'u pizzu e li turturi,
senza precari, incendi e nemici,
non ci su' scempi e non ci su' sciaguri
ma sulu u suli, u mari e li radici.
DI CANTASTORI VISTUTI MACARI
T'INFANGANU SICILIA, PARI PARI.

Sunnu li menestrelli di l'artari
di lu folklori e di lu patrimoniu
chi la Reggioni voli tutilari
scinnennu a patti puru c'u dimoniu.
Cunvegni ed abbuffati pupulari,
fistini comu fussi un matromoniu.
SICILIA TU SI' MJEVUSA SCHIACCIATA
NTA 'NA VASTEDDA SCHIETTA E MARITATA.

Canta la mafia di la pignulata,
d'a pasta cu li sardi e u piscistoccu,
di li panelli e di la capunata,
di sfinci e buccuneddi cu lu coccu,
la mafia duci comu ciucculata,
comu lu Neru d'Avula baroccu.
LA MAFIA ORA FICI UNA MAGIA
E LA CHIAMAU ENOGASTRONOMIA!

Però pi fissa non mi piagghiaru a mia
cu st'invenzione della tradizione,
la mé puisia non havi etnia
e a li mafiusi cala i pantaloni.
A MIA MI PIACI L'ANTROPOLOGIA
SENZA ORECCHINI E SENZA PATRIMONI;
LI CANTASTORI CHI CANTANU 'N CHIAZZA
L'INTRIGHI CCHIU' SCHIFUSI DI STA RAZZA.

Mentri si pigghia 'u suli nta tirrazza
d'u Granni Hotel cumprisu nta l'ingaggiu,
la mafia d'u folklori ddà ci sguazza,
c'u na granita fa l'idrumassaggiu.
Iu inveci ora mettu la curazza,
non cantu cchiù ma lassu stu missaggiu:
LA TRADIZIONI 'A MAFIA L'HA PINSATA
PI TENIRI 'A SICILIA 'NCATINATA!

Sicilia scusa st'ultima cantata
mentri tu crepi sutta lu folklori,
sutta muntagni 'i carta patinata,
sutta la mafia di li tò assessori.
Cu la mé vuci tu non canci strata
ca cu ti sbafa non havi lu cori.
SICILIA LU ME' CHIANTU FRISCU E PURU
A TIA LU VERSU CHI NON HAI FUTURU.

 

A UN RUMENO
Versi e musica di Mauro Geraci

TORINO. "E' morto schiacciato dalle ruote del furgone sotto il quale,
forse, aveva cercato riparo per trascorrere la notte. La vittima,
che non è stata ancora identificata, sarebbe un rumeno dell'età di circa 50 anni.
L'uomo si era infilato sotto il mezzo, un furgone dell'Iveco, e si era addormentato.
Nel frattempo l'autista si è messo al volante, e senza accorgersene lo ha investito".
Corriere della Sera, Giovedì 13 dicembre 2007


Notte per notte
sotto il furgone
quel cielo basso
lo riscaldava.
Quella marmitta
era la luna
con gli occhi chiusi
lui la toccava.

Era rumeno,
era a Torino,
s'accontentava
di Mirafiori,
sotto ai furgoni
bei sogni d'oro,
per lui l'Europa
era un tesoro.

Notte per notte
cambiava cielo,
cambiava letto,
cambiava sogno.
Quando al mattino
poi si svegliava
nello specchietto
si pettinava.

Tra i manovali,
sotto quel ponte,
all'alba aspetta
i caporali,
in mano loro
è il suo avvenire
e sotto ai camion
si può dormire.

Giorno per giorno
così passava
e se il lavoro
non lo trovava
sempre trovava
un'autobotte
ch'era la sua
notte per notte.

Ma venne un ladro
solo una notte,
il proprietario
che mise in moto;
la marcia indietro
su quel selciato
ed il rumeno
morì schiacciato.

Notte per notte
sempre un furgone
posteggia sopra
dov'era lui
ma lui ora dorme
sopra le stelle
dove la luna
non lo scalda più.


Scarica da qui la versione audio della ballata in mp3






Clikka e Leggi
MALAFIGURA SICILIANA



 Siti amici dei cantastorie


http://web.tiscalinet.it/cantastoriesindoni
Sito del mio carissimo amico e collega, il cantastorie Fortunato Sindoni

http://www.gcbarcellona.netsons.org
Sito di Barcellona (Messina)  che ringrazio di riprendere i miei testi

http://www.lucamarrucci.com
Sito di un bravo chitarrista che apprezza noi cantastorie

http://www.polirone.mn.it/motteggiana/daffini.htm


http://canzonicontrolaguerra.cjb.net
Sito bellissimo che dà ampio spazio alle ballate di noi cantastorie

http://stelladelsud.blog.excite.it
Blog di Mirko Sorrenti sui problemi di Messina e dintorni

http://www.gioiosani.it
Sito di Gioiosa Marea che ospita sempre le mie ballate

http://www.terrelibere.it
Sito straordinario d'informazione e denuncia


Web di Mauro Geraci - Roma 1999 - 2011

geraci@mclink.it

Sicilia - Calabria - Puglia - Basilicata - Campania - Molise - Abruzzo - Lazio - Sardegna - Toscana - Marche - Emilia-Romagna - Liguria -
Piemonte - Lombardia - Veneto - Trentino-Alto Adige - Friuli-Venezia-Giulia - Valle d'Aosta